Un portolano per navigare tra porti e curiosità

0

LAGO DI GARDA – Una nuova “guida al navigante” edita sul Garda. Il portolano si intitola “Un piccolo mare di nome Garda” (edizioni Il Frangente, 24,50 euro). L’autore è Luca Tonghini.  

Un viaggio lungo le coste del lago di Garda, che con i suoi 165 chilometri di coste può essere considerato un piccolo mare.

Infatti, come il Mediterraneo, il Garda è stato nel corso dei secoli crocevia di popoli e culture, luogo di incontri e scontri a partire dalla preistoria, con l’avvicendarsi di una sequela di civiltà che ne hanno plasmato luoghi e genti.

La navigazione e le attività annesse da sempre hanno avuto un ruolo primario nella popolazione lacustre ed oggi la nautica da diporto rappresenta un importante indotto economico. Di fatto le acque del Garda, la bellezza delle sue coste e la sua particolare orografia richiamano ogni anno migliaia di diportisti e regatanti da tutta Europa.

Così la casa editrice presenta il libro: “Con questa guida il navigante sarà accompagnato alla scoperta delle coste di questo piccolo mare, esplorandone tutti gli aspetti, nautici e culturali. A un’introduzione storica e meteorologica, che presenta l’area di navigazione e in particolare i suoi venti, segue la descrizione dettagliata, suddivisa in aree specifiche, di porti, marina e ancoraggi, di cui si riportano servizi a terra (laddove presenti), venti di traversia, rotte, distanze e waypoint utili per l’avvicinamento. Oltre a queste informazioni pratiche puramente tecniche, il libro è caratterizzato da un’interessante rassegna di notizie e curiosità che riguardano la storia, le tradizioni e le risorse locali del Garda. I testi sono corredati da numerosi quadri d’insieme della costa, da piani di porti e marina, il tutto arricchito da originali disegni a china. Unendo l’esperienza nautica, la conoscenza diretta del lago e la passione per la cartografia dell’autore ne è nata una guida utile alla navigazione, che al contempo soddisfa quelle curiosità che rendono un po’ più nostri i luoghi che visitiamo”.

portolano
La copertina del nuovo portolano del Garda

Lascia una risposta