Milan Club Toscolano: «In Arabia non ci andiamo»

TOSCOLANO MADERNO - Presa di posizione del club rossonero gardesano. Per la prima volta dal 1970 non assisterà ad una finale del Milan. La decisione in segno di protesta: «Pregiudicati i diritti delle donne».

Niente trasferta in Arabia Saudita e niente finale di Supercoppa per i tifosi rossoneri del Garda bresciano. Per la prima volta lo storico Milan Club di Toscolano Maderno, presieduto da Giulio Apollonio, non seguirà la squadra durante una finale.

La decisione è stata resa nota da Maria Luisa Garatti, dirigente del club e tifosa sfegatata.

La trasferta, come sempre, era già in programma ma i mille paletti imposti sull’accesso delle donne allo stadio King Abdullah Sport City di Gedda hanno fatto cambiare decisione al club.

«Hanno concesso che le donne sole possano assistere alla partita – ha dichiarato al Corriere della Sera Maria Luisa Garatti – ma rimane il fatto che dovrei comunque guardarla da un recinto, lontana dai miei amici, con i quali non potrei cantare, fare il tifo e reggere lo striscione del nostro club. Mi fa male questa segregazione in settori separati e mi fa male che il calcio italiano la accetti».

Questa sera dunque, niente trasferta. Per la prima volta dal 1970, in occasione di una finale in cui giocano i rossoneri, al seguito del Milan non ci saranno i tifosi del Garda bresciano.

La partita ci sarà comunque, il vincitore sarà sugli allori, i giornali ne parleranno, i tifosi gioiranno o si dispereranno. In ogni caso, sarà il trionfo dell’ipocrisia come ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Malagò, «sarà il trionfo dell’ipocrisia».

Intanto i prossimi Mondiali si terranno in Qatar, un paese che ha leggi anche più restrittive dell’Arabia Saudita. E’ il calcio moderno, inginocchiato davanti al dio denaro.

 

I commenti sono chiusi.