M5S: Tav Brescia-Verona, insostenibilità accertata dall’analisi costi-benefici

BASSO GARDA - Alta Velocità, dopo l'analisi costi-benefici della tratta TAV BS-VR i gruppi locali del M5S ribadiscono la "netta contrapposizione a questa opera. Insostenibilità accertata. Bilancio costi-benefici reali in negativo: da -500 milioni ad oltre -2,3 miliardi di euro.

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato dei gruppi di Desenzano e Lonato del Movimento 5 Stelle.

Da alcuni mesi l’opera ferroviaria TAV Brescia-Verona è al centro dell’attenzione mediatica e del dibattito pubblico in seguito a numerose dichiarazioni da parte di esponenti dell’attuale governo in merito alle sorti e al futuro di questo controverso progetto infrastrutturale.

Il Movimento 5 Stelle, attraverso i vari gruppi locali presenti nei territori coinvolti dall’opera, segue da vicino e con attenzione questo tema da ormai diversi anni, maturando la convinzione, fondata su dati oggettivi, dibattiti e confronti con esperti, approfondimenti specifici, che tale opera sarebbe, per le diverse realtà territoriali attraversate, un danno irreparabile sotto molti aspetti, oltre che un enorme ed inutile spreco di denaro pubblico a carico dell’intera collettività.

Il Movimento 5 Stelle è anche indiscutibilmente l’unica realtà politica che in questi anni si è spesa e attivata a supporto di ogni iniziativa di contrasto all’opera e di sensibilizzazione della cittadinanza in merito ai problemi che questa comporterà.

Questo governo di cui il Movimento 5 Stelle è parte, ha intrapreso su iniziativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti fin da subito una importante e lodevole opera di analisi e revisione di tutte le principali grandi opere pubbliche in fase di realizzazione sull’intero territorio nazionale, al fine di individuarne la reale sostenibilità e il reale rapporto costi-benefici, e poter successivamente effettuare valutazioni e scelte sulla base di dati il più possibile oggettivi e consolidati da un approccio scientifico.

Come noto anche la tratta TAV Brescia-Verona, opera formalizzata precedentemente all’insediamento di questo esecutivo, è stata oggetto di tale analisi, resa pubblica proprio in questi giorni.

Dai risultati dell’analisi (relativi all’intera tratta Brescia-Padova) si evince chiaramente quanto da noi sempre sostenuto, ovvero un bilancio tra costi di realizzazione e benefici reali per la collettività nettamente negativo, pari a circa -500 milioni di Euro nel caso più ottimistico fino ad oltre -2,3 miliardi di Euro nel caso considerato realistico.

Manifestazione no tav.

 

Parallelamente a tale analisi è stata redatta una valutazione giuridica dei possibili costi da sostenere in caso di revoca dell’incarico e revisione totale o annullamento dell’opera, che per la sola tratta BS-VR sono quantificabili in un massimo di 700 milioni di Euro a cui vanno sommati circa 72 milioni già spesi per la progettazione, mentre per la tratta VR-PD sono quantificabili in un massimo di 500 milioni di Euro a cui vanno sommati 83 milioni già spesi per la progettazione, per un totale massimo complessivo di circa 1,3 miliardi di Euro.

A fronte di un bilancio netto dunque comunque fortemente penalizzante restiamo convinti – dicono i 5 Stelle locali – della non utilità nel procedere alla realizzazione ti tale infrastruttura nelle modalità ad oggi considerate. Siamo tuttavia consapevoli del fatto che per annullare l’iter di realizzazione dell’opera sia necessario intervenire prima al CIPE e poi in Parlamento, dove il Movimento 5 Stelle non dispone ad oggi della maggioranza e dei numeri necessari per attuare tale azione, essendo tutte le altre forze politiche da sempre favorevoli a questa e ad altre discutibili opere.

Alla luce di quanto esposto e dei risultati dell’analisi i gruppi locali del Movimento 5 Stelle interessati dal passaggio dell’opera continueranno a sostenere l’inutilità di tale infrastruttura, vigilando sul rispetto delle oltre 300 prescrizioni e contrastandone il più possibile l’impatto sul territorio e sull’ambiente. Si impegneranno inoltre affinché i cittadini e le imprese coinvolte siano tutelati ed assistiti”.

 

 

I commenti sono chiusi.