A Cima Rest la 40esima festa del formaggio celebra il Tombea

MAGASA – Per chi ama il formaggio, e in particolare il raro Tombea che pochi casari producono ancora in Valvestino, è un appuntamento da non perdere. Domenica 8 settembre la 40° edizione della Festa del formaggio a Cima Rest.

Evento da non perdere, dicevamo. Sia per assaggiare uno dei formaggi più rari e buoni del bresciano, sia per garantirsene una scorta in dispensa. Parliamo del Tombea, formaggio principe della Valvestino, irriproducibile altrove, a cui è dedicata la tradizionale Festa del Formaggio che avrà domenica nel borgo di Cima Rest.

Il formaggio Tombea viene prodotto utilizzando esclusivamente il latte delle vacche allevate negli alpeggi e nelle stalle del territorio della Valvestino. E’ un formaggio di altissimo pregio a crosta dura, che ha una limitata diffusione commerciale a causa del ridotto numero di produttori.

I prodotti caseari della Valle sono acquistabili presso:

  • Alimentari di Piccini Caterina (Magasa) 0365.74233
  • Alimentari e Bar di Righetti Emanuela & C. (Turano di Valvestino) 0365.74063
  • Azienda Agricola Andreina Porta (Moerna di Valvestino) 331.2139884
  • Eggiolini Germano (Località Denai, Magasa) 338.8712919
  • Malga Alvezza (Località Cima Rest, Magasa) da giugno a settembre 329.7752706
Forme di Tombea, eccellenza casearia della Valvestino.

 

Il programma della festa

Ore 9 inizio vendita prodotti tipici;

ore 9.30 apertura stand gastronomico (spiedo, polenta cùsa, salamine, formaggio fuso, patatine);

ore 10.30 Messa alla chiesetta degli Alpini;

ore 11.30 Saluto del sindaco – seguiranno interventi delle autorità presenti;

ore 12 pranzo (per prenotare lo spiedo [email protected] oppure 0365.745060 entro sabato 7 settembre ore 16:00. Il buono dovrà essere ritirato alla cassa entro le ore 11.30 di domenica);

ore 14:30 ballo con orchestra;

ore 16:30 sottoscrizione a premi.

 

 

Il formaggio Tombea, formaggio simbolo della Valvestino

Il Tombea, pregiato e ricercato prodotto caseario di Magasa, è il formaggio principe dell’Alto Garda bresciano, lavorato con cura e pazienza secondo i ritmi e gli usi di una volta.

Il Tombea è un prodotto di nicchia, una ghiottoneria casearia dal profumo inconfondibile che prende il nome dal massiccio di quasi duemila metri che sovrasta l’altopiano di Rest a Magasa, nel cuore del Parco altogardesano.

È un formaggio d’alpeggio dolce, a pasta dura, buono dopo un anno di stagionatura, superbo dopo quattro, ma che invecchia anche fino a nove.

È realizzato con latte vaccino da razza bruna alpina e viene confezionato in forme cilindriche di diametro compreso tra i 35 ed i 45 centimetri e peso variabile tra i 10 e i 18 chilogrammi.

Il profumo è speziato e il gusto è sapido, leggermente piccante nel finale. Si tratta di una prelibatezza apprezzata e ricercata dai gourmet, ma è quasi una rarità. Per trovarlo occorre salire proprio su questi monti e rivolgersi al drappello di casari che ancora lo producono.

 

Germano Eggiolini
Germano Eggiolini, uno dei pochi produttori di Tombea.

 

 

I commenti sono chiusi.