Note dal Garda, stasera Ughi a Limone

0

ALTO GARDA – Grande musica dal 3 al 6 settembre sull’Alto Garda con Uto Ughi, uno dei più celebri violinisti del nostro tempo. La propone l’associazione culturale Arturo Toscanini in collaborazione con i Comuni di Gargnano, Limone e Riva.

Ogni paese ospiterà un concerto del grande violinista accompagnato da «I filarmonici di Roma», un sodalizio artistico già ben collaudato. Primo appuntamento mercoledì 3 settembre alle 21 nella chiesa di San Martino a Gargnano.

Giovedì 4, appuntamento a Limone, alle 21 nella sala congressi Comboni. Il programma: sinfonia La casa del diavolo di Boccherini; Concerto n. 22 in la minore di Viotti; Romanza in fa maggiore di Beethoven; Danza ungherese n. 5 di Brahms; Danze rumene di Bartok; Zingaresca di Pablo de Sarasate (biglietti 15 euro; info 0365.918987).

Sabato 6 terzo e ultimo concerto, alle 21 all’auditorium della chiesa di San Giuseppe, a Riva. Il programma: Sinfonia in la maggiore n. 29 K 201 di Mozart; Ciaccona in sol minore di Vitali; Havanaise di Saint Saens; Ciaccona di Boccherini; Adagio e Rondò in mi minore di Mozart; Meditation op. 42 n. 1 di Tchaikovsky; Carmne fantasy di de Sarasate (biglietti da 35, 25 e 15 euro; info 0464.570139).

Il programma dei tre concerti è stato scelto dal maestro in funzione dell’acustica delle sale. A Gargnano sarà in linea con la sacralità del luogo. Qui Ughi suonerà il suo Stradivari «Kreutzer» del 1701: «Ha un suono chiaro – spiega il maestro -, adatto all’acustica rimbombante della chiesa». A Limone, con un programma decisamente più folcloristico, Ughi suonerà il suo Guarneri del Gesù del 1744: «Ha un suono caldo dal timbro scuro, ideale per una sala con soffitto basso». A Riva, infine, spazio a Mozart, vista l’ottima acustica dell’auditorium, in grado di valorizzare brani più sofisticati. Il 5 settembre Ughi incontrerà inoltre il pubblico e i giovani allievi del Conservatorio «Bonporti» di Riva. Modererà l’incontro il giornalista Armando Torno. Appuntamento all’auditorium rivano alle 17.

 

Note dal Garda
Il manifesto del festival Note dal Garda

Lascia una risposta