Furto all’Anffas, gesto odioso

0

MADERNO – Il furto è avvenuto nella notte tra martedì 23 e mercoledì 24 settembre. Asportata dagli uffici della Fobap Anffas una cassaforte contenete 7.500 euro.

Un furto ripugnante perché perpetrato ai danni della Fobap Onlus, la Fondazione bresciana assistenza psicolabili costituita su iniziativa dell’Anffas Brescia, di cui è il braccio operativo. Ma anche perché sono stati rubati i soldi che servivano per le piccole spese degli ospiti disabili. Infine perché ha rovinato una giornata speciale per una decina di ragazzi del centro assistenziale, che mercoledì erano a Roma, assieme ad alcuni operatori e alla presidente di Fobap Anffas Maria Villa Allegri, in udienza del Santo Padre.

Il furto è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì. Qualcuno si è introdotto nella palazzina che ospita gli uffici del centro, adiacente la storica Villa Zanardelli. Qui è stata divelta ed asportata dalla parete una piccola cassaforte a muro.

«Un gesto squallido – commenta la presidente Maria Villa Allegri – che lascia una profonda amarezza. Nella cassaforte c’erano circa 7.500 euro, i proventi di iniziative promosse dai nostri volontari per raccogliere fondi che utilizziamo per le piccole spese quotidiane dei nostri ospiti, o per organizzare momenti di svago, come questa gita a Roma».

Ieri, infatti, alcuni ragazzi dell’Anffas hanno vissuto l’esperienza di un incontro con papa Francesco. «Un’udienza – racconta Villa Allegri – che avevamo chiesto la scorsa primavera. È stato un incontro emozionante. Peccato per la notizia del furto. I ragazzi ci sono rimasti davvero male». Anffas ha presentato denuncia ai Carabinieri di Toscolano Maderno, che indagano sul caso.

furto anffas
I ladri si sono introdotti negli uffici Anffas forzando una finestrella raggiunta con una scala.

Lascia una risposta