Frantoi aperti, una domenica alla scoperta dell’olio nuovo

SAN FELICE DEL BENACO - Domenica 11 alla Cooperativa Agricola di San Felice vi aspettano per farvi assaggiare l’olio nuovo, frutto della raccolta 2018, per visitare l'azienda e scoprire come nasce l'oro verde del Garda.

Nel frantoio di San Felice si lavora 24 ore su 24. Erano anni che non si vedeva tanta oliva. Sarà una stagione record per l’oro verde del Garda, il pregiato olio extravergine benacense, che per qualità si colloca ai primi posti nel panorama olivicolo mondiale.

Tanto che il Consorzio olio Garda DOP, sollecitato dalle richieste dei produttori, ha ottenuto dal Ministero una deroga sulla quantità di olive da raccogliere per ettaro (leggi qui).

 

Si respira aria di grande soddisfazione anche alla Cooperativa Agricola San Felice, operativa dal lontano 1946, il maggior frantoio lombardo, dove si lavorano il 20% delle olive raccolte in regione, conferite da oltre 300 soci olivicoltori della riviera bresciana del lago, da Gargnano e Desenzano.

«Lavoriamo mediamente dai 7 ai 9mila quintali di olive ogni anno – dice il direttore, l’agronomo Pier Paolo Vezzola -, ma quest’anno prevediamo numeri maggiori. L’annata è eccezionale, il clima ha permesso di raccogliere frutti al giusto punto di maturazione e in perfetta salute, visto che non si sono visti agenti patogeni, né mosca né funghi».

L’agronoma Pier Paolo Vezzola segue le fasi di molitura delle olive al frantoio della Cooperativa Agricola San Felice.

 

In questi giorni clou della campagna olivicola 2018 a San Felice si moliscono tra i 500 e i 600 quintali di olive al giorno, con una resa del 12-13%. «Ma ci aspettiamo che aumenti ancora di qualche punto», dice Vezzola.

Le buone notizie non finiscono qui. Alla grande quantità (comunque relativa, visto che l’extravergine del Garda non raggiunge nemmeno l’1% della produzione nazionale), fa riscontro una qualità eccezionale. L’olio del Garda è celebre per la delicatezza del gusto e per il bassissimo grado di acidità, mai superiore a 0.70%, che lo rende morbido al gusto, una vera gioia per il palato.

L’olio Garda Dop della Cooperativa Agricola San Felice.

 

«Quest’anno addirittura registriamo un’acidità dello 0,05%, eccezionalmente bassa», dice Ambrogio Florioli, il presidente della Cooperativa, dove, peraltro, quest’anno lavorano macchinari rinnovati grazie a investimenti sull’innovazione tecnologica per circa 70mila euro, per frangiture di olive sempre più sane e in tempi sempre più brevi dalla raccolta. «Qui c’è solo tecnica – conclude Vezzola -, nessun intervento chimico, come avviene a livello industriale». E, al palato, si sente.

Come potrete sperimentare direttamente domenica 11 novembre dalle ore 13 alle 18,  quando il frantoio sarà aperto al pubblico.

Dalle olive scopriremo come nasce l’olio extra vergine di oliva, seguendo tutte le fasi della lavorazione. A seguire degustazione olio extra vergine appena prodotto e assaggi gastronomici in abbinamento.

Nel veronese invece, domenica 11 novembre torna la tradizionale festa dell’olio nuovo al Frantoio Turri di Cavaion Veronese, con una giornata di apertura al pubblico, dalle 10, con visita in frantoio, assaggi con l’olio nuovo e la presentazione di un libro sul passato contadino (leggi qui).

 

I commenti sono chiusi.