Andar per funghi. I consigli del Soccorso Alpino

E' periodo di funghi, che si trovano copiosi nei nostri boschi. Andar per funghi è bello e salutare, ma non dimentichiamoci che ci troviamo pur sempre in montagna. Ecco i consigli del Soccorso Alpino.

Nell’idea comune, andare alla ricerca di questi prelibati prodotti della natura si figura come un’attività tranquilla e senza particolari rischi. Eppure non bisogna dimenticare che nella maggior parte dei casi ci si trova su terreni impervi di collina e montagna.

Per questo, anche mentre si passeggia nei boschi con gli occhi concentrati al suolo è importante prestare la massima attenzione. Non solo nel raccogliere le specie commestibili di funghi ma anche a come ci si muove con i piedi e a dove si sta andando.

In particolare ci sono alcuni elementi da tenere in considerazione:

  • la lunghezza del percorso dal parcheggio/abitazione al bosco: teniamo sempre ben presente lo sforzo fisico richiesto per raggiungere il bosco e per tornare indietro;
  • il tipo di accesso al bosco: dobbiamo percorrere una comoda mulattiera o un sentiero impervio?
  • l’orografia del terreno: il bosco dove vogliamo addentrarci si sviluppa dolcemente o presenta pendii scoscesi, balzi di rocce, canali e corsi d’acqua?
  • lo stato del terreno: il suolo è asciutto o le condizioni atmosferiche lo hanno reso umido e scivoloso?
  • il tipo di ambiente: si tratta di un bosco inselvatichito dove c’è il rischio di perdere l’orientamento o è percorso da mulattiere e sentieri battuti?

Una volta accertate le condizioni ambientali è importante dotarsi dell’equipaggiamento più appropriato.

Insieme al classico cestino per funghi non dimenticarsi mai di portare uno zaino dove poter riporre abbigliamento di scorta nel caso la temperatura si abbassi o ci si bagni, cibo e acqua, una torcia, una carta topografica e un kit di pronto soccorso. La prudenza non è mai troppa!

Partire sempre con un buon scarpone da montagna ai piedi e i pantaloni lunghi. Un abbigliamento dai colori visibili può aiutare in caso di difficoltà e un bastone può facilitarti nel mantenere l’equilibrio.

Quando si va per boschi o in montagna è sempre meglio essere in compagnia che soli! Questo perché non è detto si possa fare affidamento sul proprio cellulare poiché non è raro trovare zone dove non c’è campo e, in caso di incidente grave, potremmo non riuscire a usarlo. In ogni caso è fondamentale comunicare a familiari o amici l’orario presunto di rientro, dove si intende andare e il percorso che si vuole seguire, specificando bene la zona con più particolari possibili (numero del sentiero, malghe o rifugi nelle vicinanze)

Se si perde l’orientamento nel bosco, il Soccorso Alpino consiglia di evitare di girovagare ma di provare a ritornare sui propri passi.

In caso di bisogno chiamare il Numero Unico per le Emergenze 112.

 

 

I commenti sono chiusi.