A Riva il Parlamento europeo giovani

0

RIVA DEL GARDA – Gli studenti del liceo «Maffei» hanno voluto portare nella loro Provincia, a Riva del Garda, la finale nazionale, che si terrà dal 3 al 7 marzo.

Il PEG, Parlamento europeo giovani, è stato inserito dal Ministero dell’Istruzione tra le attività volte alla promozione delle eccellenze e mira ad accrescere negli studenti la conoscenza e la consapevolezze dei valori europei attraverso momenti di discussione e confronto con l’obiettivo di trovare soluzioni innovative a problematiche reali. La partecipazione richiede buona conoscenza degli argomenti, disponibilità al confronto e alla collaborazione, capacità di comunicazione e di espressione linguistica in inglese.

La conferenza stampa di presentazione della «Selezione nazionale del PEG – Parlamento Europeo Giovani» si è tenuta nel pomeriggio di venerdì 27 febbraio nella biblioteca del liceo «Maffei» (nella foto sotto), presente per l’Amministrazione comunale il sindaco Adalberto Mosaner.

Il PEG , considerato da Ministero dell’istruzione, università e ricerca come attività volta alla promozione dell’eccellenza, si prefigge lo scopo di avvicinare i ragazzi alle attuali problematiche internazionali e al processo democratico, educando a praticare un pensiero critico indipendente, a dialogare in maniera costruttiva con persone provenienti da diverse esperienze sociali, culturali ed economiche. Il progetto mira ad arricchire i giovani cittadini europei offrendo loro un momento di discussione e confronto con l’obiettivo di trovare soluzioni innovative a problematiche reali, sottolineando l’importanza del dialogo interculturale e del rispetto reciproco, attraverso un’esperienza formativa e al contempo entusiasmante e coinvolgente.

Alle preselezioni nazionali il liceo Maffei partecipa da quattro anni riuscendo sempre a qualificarsi come unica scuola del Trentino. Per guadagnarsi il diritto ad accedere ad una delle tre selezioni nazionali del Peg, tra ottobre e novembre gli studenti del liceo Maffei hanno dovuto redigere un documento avente come oggetto un tema comune di attualità politica. L’elaborato, redatto in lingua italiana e inglese, è stato poi valutato da una giuria composta da docenti universitari, esperti madrelingua e associati del PEG.

Ogni anno partecipano a questa preselezione oltre 100 tra le più prestigiose scuole italiane. Le delegazioni che superano questa prima fase si scontrano poi confrontandosi su temi di politica internazionale, elaborando proposte concrete e dibattendole in un’assemblea strutturata sul modello dell’Assemblea plenaria del Parlamento europeo, per individuare le delegazioni che rappresenteranno l’Italia in Europa. La struttura è dunque quella del Parlamento europeo, in cui si esamina un dato problema e si propongono interventi e soluzioni, con una introduzione, che riporta la base giuridica e le motivazioni delle azioni proposte, e una parte operativa che presenta le azioni concrete da adottare per far fronte al problema. La proposta deve essere redatta in inglese e italiano e discussa poi rigorosamente in lingua inglese.

Gli argomenti proposti sono decisamente impegnativi e spaziano dal sovraffollamento delle carceri al problema dell’immigrazione, dalla questione ucraina alle varie forme di dipendenza, dalla disoccupazione giovanile a quale strategia dovrebbe essere adottata in Europa per far convivere il diritto alla libertà d’espressione con la sicurezza nazionale e la lotta contro discriminazione e falso storico, e molti altri.

Dopo essersi qualificati al primo posto lo scorso anno nella selezione nazionale di Volterra, gli studenti del Maffei si sono impegnati per diffondere questa esperienza, poco conosciuta ma particolarmente significativa nel territorio trentino organizzando lo scorso 9 maggio a Riva del Garda, in occasione della festa dell’Europa, il GA DAY, l’assemblea generale del Parlamento europeo giovani. Hanno partecipato delegazioni di alcuni istituti superiori del Trentino e del Veneto che hanno “celebrato” la festa dell’Europa confrontandosi e dibattendo strategie diplomatiche dell’UE e appassionandosi alle più attuali e cocenti tematiche mondiali. L’esperienza è stata molto apprezzata da tutti i partecipanti.

Dalla scorsa estate gli studenti del liceo Maffei stanno lavorando con intensità per portare nella loro città la finale nazionale. L’organizzazione non è stata semplice: individuare la location per i lavori assembleari e la sistemazione di un centinaio di studenti, una cinquantina di docenti e membri del Peg, prevedere attività di approfondimento e momenti ricreativi, organizzare iniziative per la conoscenza del territorio trentino e in particolare di Riva del Garda.

L’entusiasmo e la creatività dei ragazzi ha trovato il sostegno e il patrocinio di molte associazioni ed enti privati, ma soprattutto della Provincia autonoma di Trento, dell’Amministrazione comunale di Riva del Garda e della Comunità di Valle Alto Garda e Ledro .

Attenzione particolare è stata espressa dal presidente della Provincia Ugo Rossi che in una lettera si è complimentato con gli studenti del liceo Maffei evidenziando come il Peg si inserisca appieno nel “Piano Trentino Trilingue” che mira a formare gli studenti in modo da “…renderli preparati, competenti e competitivi, consapevoli delle loro radici e allo stesso tempo cittadini del mondo, in grado di dialogare con i loro coetanei europei. A voi, ai vostri insegnanti e ai vostri genitori voglio dire allora una sola parola: grazie. Sono sicuro che questa vostra esperienza educativa sarà anche una nostra esperienza, perché contribuirà alla crescita di tutto il sistema scolastico. Continuate così!”

 

parlamento europeo giovani
I partecipanti alla conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa del Parlamento europeo giovani.

Lascia una risposta