Gargnano ricorda il partigiano Mario Boldini

0

GARGNANO – In occasione dell’anniversario della morte del partigiano Mario Boldini, la sezione Anpi di Gargnano organizza, domenica 17, una commemorazione nel luogo in cui venne fucilato.

Mario Boldini, partigiano della Brigata “Perlasca”, fu catturato con alcuni compagni sul monte Spino il 14 gennaio 1944. Prima è stato torturato, per ricevere informazioni riguardo il suo gruppo, il Battaglione Perlasca, attivo in Valle Sabbia, poi hanno deciso di ucciderlo portandolo appena sopra Gargnano, perché nessuno vedesse, nei pressi del Casel de la Tor. L’ultima angeria è stata quella di fargli scavare con le sue mani la fossa che lo avrebbe ricoperto. Mario però non ce la fa, la terra è dura, lui è dolorante a causa delle torture subite, per cui i fascisti gli sparano gettandolo in una buca appena accennata. Ricoprono il suo corpo con il terriccio e se ne vanno.

Dopo alcuni giorni il prevosto, don Primo Adami, con l’aiuto dell’addetto ai cimiteri, compì la pietosa opera dandogli degna sepoltura nel campo santo, dove tuttora riposa.

«Quante storie – scrive l’Anpi di Gargnano sulla sua pagina Facebook – ci sono come quella di Mario? Tante, troppe, alcune anche più terribili. Ragazzi appena ventenni, magari con la possibilità di studiare, che abbandonavano le loro case per ribellarsi ad una tremenda dittatura. Sapevano che sarebbero potuti morire? Certo, ma il richiamo della libertà era più forte. Mai avrebbero desiderato che i loro figli vivessero ciò che stavano passando loro, figli a loro volta. E proprio perché erano poco più che ragazzini che la loro scelta è stata esemplare, dettata dal coraggio, non dall’incoscienza.
Oggi Mario riposa al cimitero di Gargnano, lo stesso paese in cui ha trovato la morte, ma anche per il quale ha lottato.

In occasione dell’anniversario della morte di Boldini, la locale sezione Anpi, a lui intitolata, invita la cittadinanza ad un cerimonia che avrà luogo nei pressi del “Casel de la Tor”, dove venne fucilato, recentemente sistemato e strappato all’incuria, affinchè diventi un luogo di importanza storica per tutta la comunità.

Un breve relazione del prof. Bruno Festa riporterà i presenti a quei giorni del 1945. seguirà la preghiera di benedizione del parroco e un momento di raccoglimento.

Fabio Gandossi, che ha coordinato i lavori di ristrutturazione, spiegherà come è stata svolta l’operazione di ripristino del sito. Infine si chiuderà con i ringraziamenti di tutti coloro che si sono impegnati nei lavori (a titolo gratuito), i saluti dell’Anpi e delle istituzioni.

Ritrovo alle 9 al parcheggio del parco “Le Fontanelle”; inizio cerimonia alle 9.30.

Mario Boldini
Mario Boldini, partigiano della Brigata “Perlasca”, fucilato a Gargnano nel gennaio 1944.

Lascia una risposta