La Banda del Sur di Luca Artioli in tour

0

LAGO DI GARDA – Numerosi appuntamenti gardesani con la musica della Banda del Sur, del chitarrista salodiano Luca Artioli. La band presenta il nuovo album di inediti «Canzoni d’estate».

Dieci canzoni fresche, piene di ritmo e solari come l´estate: atmosfere brasiliane in “Sambartiode” e “Calú”, testi ammiccanti e maliziosi in “Dottore d´amore” (…che cura le pene d´amore) e “Le signore” (…che fanno male ma fanno stare bene), di positiva nostalgia in “Canzoni d´estate” (Bossanova che dà il titolo all´album) e in “He nacido en esta tierra”.

Non mancano testi ironici come nella spagnoleggiante “My gipsy car”, o surreali e trasognati come in “Bagdad surfers” o romantici come in “Contigo me voy”. Insomma un album dalle mille sfaccettature, ma con un unico leitmotiv: la voglia di fare musica. E si sente.

Il cd sarà presentato nel corso di un’intensa tournée estiva. Queste le date: 6 agosto a Manerba, 7 a Garda sul lungolago, l’11 a Idro, il 14 sul lungolago di Salò, il 15 a Villa di Gargnano, il 19 a Montagnana, nel veronese, il 20 a Manerba, il 21 ancora sul lungolago di Salò e il 22 a Maclino, frazione collinare di Toscolano Maderno.

Info dettagliate sui concerti sul sito labandadelsur.it.

La Banda del Sur nasce a Berlino nel mitico locale “El Sur”, dove musicisti spagnoli, cubani, brasiliani e italiani suonano e si incontrano, dando vita a jam-session memorabili dalle quali nascono diverse bands e collaborazioni musicali. Luca Artioli, chitarrista e cantante gardesano attivo nella scena musicale berlinese, crea proprio in questo contesto il suo personale cross-over musicale. La sua chitarra assieme alle percussioni afrocubane e brasiliane costituiscono le fondamenta sulle quali Artioli sviluppa il suo inconfondibile “sound” carico di energia e ritmo che contraddistingue e caratterizza la sua musica. Le sue canzoni sono in spagnolo, portoghese, inglese e italiano e non rispettano i confini geografici a cui appartengono queste lingue: ecco così una cumbia in italiano, una rumba in portoghese, una afoxé in spagnolo o un arabesco in inglese. Tutto é possibile…anzi… nella sua “world music” tutto “deve” andare oltre i confini.

Artioli & La Banda del Sur
Artioli & La Banda del Sur

Lascia una risposta